Perché l'Omeopatia

È possibile curare le proprie malattie senza dover contemporaneamente consultare molti medici, usando farmaci assolutamente non nocivi, con la sicurezza di star meglio.

Che cos'è l'Omeopatia

L’Omeopatia, nata due secoli fa in Germania, grazie alle geniali intuizioni del Dott. Frederich Samuel Hahnemann, è un metodo clinico terapeutico con il quale il medico valuta la malattia non solamente nelle sue manifestazioni organiche, ma nella globalità della persona malata; utilizza esclusivamente sostanze naturali preparate e sperimentate secondo una rigorosa metodologia.
Non ha nulla in comune con agopuntura, fitoterapia, medicine orientali.

Che cosa può curare

L’Omeopatia può affrontare tutte le malattie con possibilità di miglioramento o guarigione, anche e soprattutto malattie croniche come: asma, allergie, emicrania e cefalea, disturbi del sonno, psoriasi, eczemi, artrite reumatoide ed malattie nervose, dalla semplice ansia a stati di esaurimento più profondi.
È molto utile inoltre nel trattamento dei disturbi della mestruazione e della menopausa.

Ci sono pericoli?

Non esiste alcun pericolo nell’assunzione di medicamenti omeopatici, anche se ciò non esclude un doveroso rispetto delle prescrizioni e la giusta riluttanza a prendere farmaci da non medici.
Il curarsi omeopaticamente non esclude a priori l’uso di altri farmaci né rende ciò pericoloso.

E nei bambini?

La medicina omeopatica è preziosa nella fase prenatale, nell’infanzia e nell’adolescenza; scegliere l’Omeopatia per curare i propri figli significa dar loro la possibilità di ammalarsi di meno o di curarsi evitando gli effetti nocivi dei comuni farmaci. Gli anziani possono trarne sicuri benefici.

Quanto dura una cura omeopatica

È assolutamente da smentire l’idea che le cure omeopatiche siano molto lunghe.
Nei casi acuti l’Omeopatia sa essere velocissima: nelle malattie croniche la durata dipende dalla gravità e dall’età di inizio della malattia, nonché dal livello di intossicazione farmacologica della persona.